Il rapporto tra italiani e privacy

privacy

Qual è ad oggi il rapporto tra italiani e privacy?

Dopo la regolamentazione GDPR, i casi di cyber crime che fanno sempre più notizia ai danni delle multinazionali e i furti sempre più diffusi di profili social e dati personali, il rapporto tra gli italiani e la tutela della propria privacy è decisamente cambiato. Gli italiani infatti parrebbero, da un sondaggio condotto da Samsung, essere sempre più spaventati da un furto di password o dati personali o di dati legati alla propria attività e quindi sempre più interessati a tutelare la propria privacy. 

Vi ci ritrovate? Sicuramente ha giocato un ruolo fondamentale lo smartphone che in molti casi  è diventato forse l’oggetto più personale che abbiamo con noi, lo strumento ormai più utilizzato per l’archiviazione dei dati personali nella nostra quotidianità. Lì custodiamo i numeri di telefono su cui fare affidamento, foto che non vogliamo perdere, appuntamenti in calendar di cui ci dimenticheremmo e tutte le app che ci tengono collegati con la rete di contatti che abbiamo, oltreché i messaggi scambiati con i nostri affetti. E perché no, anche documenti aziendali di facile reperimento, e-mail importanti, insomma tutti i dati che non vorremmo mai e poi mai perdere.

Quali sono i dati che noi italiani custodiamo più gelosamente? Solo al terzo posto per il 64% degli italiani stanno le foto personali ma non ci stupiremo se pensiamo che ormai gran parte delle foto vengono pubblicate e quindi salvate automaticamente sui social, sventando dunque il rischio di essere perse. Al secondo posto abbiamo le password per l’internet banking con l’82% dei votanti. E al primo posto dei dati che gli italiani custodiscono più gelosamente c’è  il pin della carta di credito. 

Samsung con il suo Trend Radar, su 2000 persone tra i 20 e i 50 anni, ha ottenuto le seguenti statistiche: il 78% dei votanti sostiene necessario utilizzare programmi antivirus, mentre il 69% rivolge più attenzione all’utilizzo di carattere speciali nelle password, meglio se lunghe. Il 61% invece sa che invece è necessario cambiarle spesso. 

Il tema della protezione dei dati è sempre più trattato non solo sulle testate editoriali cartacee e online più note ma anche a livello aziendale con l’adeguamento normativo al GDPR. Il cybercrime è ormai al centro dell’attenzione sui social network, e addirittura la polemica oggigiorno è sulla proposta di legge che riguarda l’identificazione dell’utente al momento dell’iscrizione a un canale social, mediante documento d’identità. Insomma quello della privacy è un tema che ormai non può essere più ignorato. E per finire il telefono cellulare è una delle prede più tenute sotto mira da malintenzionati

Un rapporto che è sicuramente cambiato e che è sempre più contraddittorio quello fra italiani di oggi e privacy. In un momento in cui l’utilizzo dei social network ci espone parecchio alla pratica di vivere sempre con molta meno privacy, la stessa viene sempre più messa a repentaglio. I dati sono il nuovo oro della nostra epoca e come tale alcune persone vogliono mostrarlo ma senza farselo portare via ed altri invece sono lì pronti a rubarlo.

Come mettere in sicurezza i tuoi dati? Scoprilo con noi, visita la nostra pagina dedicata.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Articoli Recenti