Il ruolo dell’infrastruttura di rete e il panorama italiano

infrastruttura di rete

Un’infrastruttura di rete è un insieme di dispositivi hardware e software, collegati tra loro attraverso appositi canali di comunicazione, che permettono ad un utente di passare all’altro risorse, informazioni e dati che, in questo modo, possono essere condivisi e pubblicati. Ma perché è tanto importante, e qual è la situazione in Italia di tale sistema?

L’infrastruttura di rete in Italia

Avere una buona infrastruttura di rete significa poter costruire le basi per i nuovi ecosistemi digitali: l’intelligenza artificiale, l’Internet of Things, l’industria 4.0 sono tutti aspetti che richiedono lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi, un implemento della sicurezza informatica e un aggiornamento delle regole sulla privacy. Ma, senza le infrastrutture, nulla possono.

Ed è su questo, che l’Italia sta lavorando. Il nostro è uno dei pochissimi Paesi d’Europa a non essere proprietario della sua infrastruttura di rete, e a sottolineare quanto questo dovrebbe cambiare è il Centro di Ricerca Sapienza in Cyber Intelligence e Information Security. Lo stesso Centro, inoltre, spiega anche come dovrebbero crescere i produttori di hardware sul territorio italiano e come si dovrebbe consolidare la presenza di data center nostrani: come possiamo essere certi del trattamento dei dati delle nostre imprese e dei nostri cittadini, se utilizziamo esclusivamente data center stranieri?

Dalla nascita di Internet al futuro italiano

infrastruttura di retePer l’Italia, il decennio fondamentale per l’affermazione e la crescita del web è quello compreso tra i primi anni Novanta e il 2000. Nel 1991 nasce, a livello mondiale, il World Wide Web; successivamente arrivano in Italia i primi collegamenti commerciali a Internet mentre, il 2000, è l’anno della banda larga. E adesso? Ora, il nostro Paese sta lavorando per il raggiungimento di due obiettivi: il Piano nazionale Banda Ultra Larga e la Crescita Digitale. Perché la situazione dell’infrastruttura di rete migliori, è infatti necessario che l’Italia si avvicini alle medie europee in termini di velocità di connessione e in termini di utilizzo di Internet. Ed è in questo senso che il Governo sta agendo, per fare dell’Italia una “smart nation” e per aumentare la domanda di banda ultra larga e di servizi digitali. Nonostante la prima raggiunga il 97% delle case dell’UE, infatti, in Italia ben il 43% di esse non possiede un abbonamento (contro il 25% della media dell’Unione).

I dati, tuttavia, sono positivi. Nel 2017 sono stati fatti significativi progressi nella realizzazione di nuove reti di TLC fisse e mobili a banda ultra larga: a metà dell’anno, ben l’87% delle abitazioni italiane erano raggiunte da reti TLC fisse con una velocità superiore ai 30 Mbps, mentre le case raggiunte dalla tecnologia FTTH per le reti fisse con velocità superiore ai 100 Mbps erano il 21.7%. Ecco dunque che, il settore TLC, è diventato il motore trainante della trasformazione digitale della società e dell’economia italiana.

Il supporto da remoto per il networking

Se l’Italia sta lavorando per migliorare e accrescere il numero di accessi digitali a livello privato, anche le aziende – negli ultimi anni – stanno capendo sempre più quanto importante sia il networking. Le aziende, gli enti e le amministrazioni pubbliche necessitano tutti di una rete di lavoro, un network, che garantisca un efficiente sistema di trasmissione delle informazioni: il networking permette di aumentare l’efficienza migliorando le modalità operative dei dipendenti, consente di ridurre i costi, di migliorare i servizi e dunque la soddisfazione dei clienti.

Per un’azienda, affidarsi ad un partner qualificato che fornisca servizi informatici e che sia in grado di costruire e di gestire anche da remoto il suo networking, è fondamentale: garantisce una continuità di servizio (soprattutto se viene progettata in modo flessibile e modulare, così da limitare gli interventi di modifica e di integrazione), una maggiore sicurezza, un alto livello di efficienza.

La nostra divisione Networking è specializzata proprio in questo, nella creazione di una rete a partire dalla sua progettazione e fino al cablaggio e al collaudo, grazie alle sue competenze in materia di tecnologia IP, che le consentono di offrire assistenza e supporto applicato alle infrastrutture di rete. Le soluzioni proposte sono ottimizzate per garantire all’azienda un rapido ritorno dell’investimento e la lunga durata del sistema, grazie a servizi come il supporto remoto per il networking.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Articoli Recenti

circular ict

Circular ICT

Stiamo vivendo in un modello economico lineare “take-make waste“, in cui i materiali vengono estratti, utilizzati

Leggi tutto »