Ricondizionato? Come nuovo e aiuta l’ambiente!

Negli ultimi anni il mercato dei prodotti hardware ricondizionati è stato in continua evoluzione viste le incredibili potenzialità e l’alta convenienza dei suoi prodotti.
Per chi lavora nel settore informatico da qualche anno, sa bene che i grandi brand IT hanno sempre dedicato una parte della loro struttura produttiva al refurbishing dei prodotti che rientravano per vari motivi nell’azienda, sicuramente la sensibilità ambientalista e un più attento controllo delle spese (i budget IT sono stati sempre sotto controllo) ha fatto sì che questo business esplodesse e che stia vivendo letteralmente il suo momento d’oro con un giro d’affari vicino ai 20 miliardi di dollari all’anno.

Hardware Ricondizionati

Con la definizione dei termini: “ricondizionati” o “rigenerati” (in inglese refurbished) si intende prodotti a marchio originale con condizioni estetiche e funzionali pari al nuovo.
Ogni prodotto che non possiede più la sigillatura di fabbrica originale, anche se a volte è “nuovo” perché restituiti dal cliente che ha per esempio cambiato la configurazione richiesta, o usati per demo o eventi, non può essere più venduto per nuovo e dopo un processo di ricondizionamento che coinvolge controlli e riparazioni dal punto di vista estetico e meccanico-funzionale viene etichettato come ricondizionato e venduto sul mercato con un prezzo scontato dal listino originale.
In termini di garanzia i prodotti ricondizionati godono di una garanzia inferiore al nuovo, ma molte volte è di un anno.

Come nuovo e aiuta l’ambiente

La scelta di un prodotto ricondizionato può far parte di una strategia aziendale che punti a ridurre costi e impatto ambientale: la riduzione di costo, a seconda del grado di ricondizionamento, può arrivare al 30% del listino. Non sempre il ricondizionato può essere la scelta adatta, anche se su quella considerata tecnologia abilitante, e quindi non strategica per lo svolgimento dei processi aziendali, può essere una buona soluzione.

Quando dunque conviene scegliere il ricondizionato per la vostra azienda rispetto al nuovo?

Le motivazioni sono varie, sicuramente il risparmio la differenza di prezzo verso il nuovo po’ sfiorare il 50% in alcuni casi, Turn over molto frequente delle apparecchiature, coniuga la necessità di un apparecchio aggiornato e funzionante e risparmio economico.
Compatibilità applicativa, tecnologie hardware innovative a volte rendono difficile la compatibilità applicativa e che non ci sia altro modo che utilizzare macchine “vecchie”, non ultimo l’attenzione all’ambiente, un prodotto ricondizionato, di fatto ha una seconda vita e ritarda la sua fine in discarica facendo risparmiare la comunità i costi del suo smaltimento e corretto trattamento.

Laus Informatica ha intrapreso già da molti anni questa modalità di vendita aderendo a quella filosofia chiamata Circular ICT con la missione di diffondere e promuovere la cultura e la transizione alla “Circular Economy” in Italia ed in Europa, al fine di ottenere un maggiore valore e crescita con l’utilizzo di risorse sempre più sostenibili, volte al riutilizzo dei prodotti IT.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Articoli Recenti

circular ict

Circular ICT

Stiamo vivendo in un modello economico lineare “take-make waste“, in cui i materiali vengono estratti, utilizzati

Leggi tutto »